Perchè amo Livorno? Per cinque motivi!

Noi livornesi, diciamolo, siamo parecchio criticoni. Non ci va mai bene niente, soprattutto se ci riferiamo alla nostra città. Quante volte ripetiamo “a Livorno ‘un c’è mai nulla da fa’!” ,“L’ignoranza che c’è a Livorno ‘un la trovi da nessun’altra parte”, “a Livorno ‘un c’è lavoro!”?. Spesso i primi detrattori della nostra amata città siamo proprio noi livornesi, ma… guai ai Non Livornesi che osano criticarla!

Nessuno tocchi Livorno!

Infatti, tutti noi, se qualche “forestiero” si permette di criticare Livorno, alziamo la cresta e difendiamo la nostra città a spada tratta. L’ultimo caso famoso? Risale a qualche mese fa, quando la bella showgirl Nina Moric, per attaccare l’allenatore livornese Allegri, lo chiamò “livornese comunista”. Poi, giusto perché non aveva ancora ben capito con chi aveva a che fare, decise di scrivere delle scuse sull’accaduto sulla propria pagina Facebook:

“Qualcuno mi può spiegare gentilmente e senza offese come mai molti si sono sentiti offesi dalle mie parole ” Livornese Comunista” riferito ad Allegri? Non è livornese l’allenatore della Juve? Non è forse vero che Livorno è la città d’Italia con la più alta concentrazione di comunisti? Manco avessi scritto che Livorno puzza di pesce, o che a Pisa hanno paesaggi bellissimi e la torre che attira milioni di turisti ogni anno, mentre a Livorno l’unica cosa che viene attirata sono le sardine che seguono i pescherecci. Roba da matti”.

Inutile raccontarvi come moltissimi nostri concittadini decisero di difendere Livorno e i livornesi dalle critiche della modella croata, commentando il suddetto stato (le scrissi qualcosa pure io, perché Livorno non si tocca!).

5 Buoni Motivi per cui Amo Livorno.

Certo, non tutti riuscirono ad essere diplomatici e tanti tirarono fuori lo spirito labronico che ci contraddistingue, ma una cosa è certa: per quanto la critichiamo, noi Livornesi amiamo la nostra città e nessuno ce la deve toccare!

Ma perché, alla fine per quanto se ne possa parlar male, la amiamo così tanto?

Be’, non ho la presunzione di parlare a nome di tutti voi, quindi mi limiterò a parlare dei miei cinque motivi per cui amo Livorno.

1. Il Mare.

Il primissimo motivo è sicuramente il Mare. Certo, sarò banale ma non posso non nominarlo. Il mare mi piace e non solo perché quando dico la parola mare mi viene in mente l’estate e quindi una delle stagioni più divertenti che ci sono (certo, se non lavori come barista in uno stabilimento balneare…).

Mi piace così tanto perché ritengo che il mare sia bello sempre. Sia quando è un’enorme distesa blu, ma anche quando è burrascoso. Quando fa caldo e quando fa freddo. E’ bello al mattino, il pomeriggio e alla sera, quando il sole ci si tuffa dentro! Il mare profuma. Ha quel suo odore particolare e caratteristico, che quando entra nelle narici mi viene naturale chiudere gli occhi, odorarlo e sorridere.

Il mare poi puoi scrutarlo nei momenti in cui magari sei un po’ giù di corda e confidargli, silenziosamente, i tuoi pensieri certo che si terrà tutto per sé. Il mare è tutto questo per me. Ma lo è solo quando mi ritrovo a passeggiare per il Viale Italia (magari con la mia piccola che sonnecchia nel suo passeggino), perché solo quel tratto di mare lì è mio amico. Solo lui. Basta far qualche chilometro verso nord e il mare che vedo dal finestrino dell’auto non è più il Mio mare… Per dire, già il mare di Tirrenia non mi piace (forse perché è pisano? 😉 ).

Terrazza Mascagni, Livorno
Foto di Eric Perrone (https://www.flickr.com/photos/ericperrone/7874642812)

2. Terrazza Mascagni.

Be’ e come non nominare lei, la bellissima Terrazza che si affaccia sul mare! Ma magari ormai la maggior parte dei livornesi neanche si rende conto di quanto sia bella. E forse è arrivato il momento di mettersi nei panni di un turista tipo che sbarca a Livorno con la nave da crociera.

Probabilmente ci toccherebbe star un giorno in questa piccola città di provincia e qualcuno, se è soprattutto una bella giornata di sole, ci consiglierebbe di fare una passeggiata sul lungomare. E così ci mettiamo in cammino, parlottando del più e del meno, e ci guardiamo intorno pensando che questa città non sia un granché bella…Ma improvvisamente, mentre passeggiamo lungo il viale Italia, nella parte destra del nostro campo visivo si apre quell’enorme scacchiera nera e bianca della Terrazza.E veniamo meravigliosamente colpiti da tutta quella maestosità in stile ottocentesco, con quel bel gazebo al centro. E sì, vista con gli occhi di un forestiero che la vede per la prima volta, la Terrazza deve essere davvero qualcosa di magnifico!

3. Il cibo.

Al terzo posto c’è ovviamente il cibo! Ci sono alcuni piatti livornesi che sono sicura manco Carlo Cracco saprebbe cucinare come si deve!

Penso soprattutto al Cacciucco, un’opera d’arte culinaria di mare tipicamente nostrano che un non Livornese sicuramente non saprebbe cucinare altrettanto bene come un livornese DOC. Come del resto non ho mai visto far bene il Ponce al di fuori dei confini labronici… Anzi, una volta in un bar fuori porta mio babbo ordinò il ponce e la barista lo guardò stranita! Inoltre al di fuori di Livorno se chiedi in una pizzeria il 5&5, ti guardano con un grande punto interrogativo in faccia, senza considerare che fuori i nostri confini chiamano la torta… cecina. Eresia!

Ma il piatto livornese a cui sono più affezionata e che ha permesso al Cibo di diventare uno dei miei motivi per cui amare Livorno è senza dubbio il Baccalà alla Livornese. E tutto questo amore per questo piatto è dovuto al modo in cui lo cucina mia mamma! Quando ne sento il profumo il mio cervello mi catapulta nell’infanzia, un po’ come succede al critico culinario di Ratatouille!

4. L’Arte.

L’arte? Sì, l’arte. Forse non ci facciamo tanto caso perché ormai siamo abituati a pensare a Livorno e ai livornesi come a un centrifugato di ignoranza, ma la nostra città in passato ha dato i natali a tantissimi artisti di fama mondiale! Uno su tutti, il grande pittore Amedeo Modigliani, conosciuto in tutto il mondo e la cui casa natale è ancora oggi visitabile, in via Roma. Ma anche Giovanni Fattori, il capostipite dei Macchiaioli. E ancora Caproni e Mascagni. La sua Cavalleria Rusticana viene ancora suonata nei migliori teatri lirici di tutto il pianeta.

Amedeo Modigliani, Nu Couché au coussin Bleu
Amedeo Modigliani – Nu Couché au coussin Bleu

 

E chissà quanti altri artisti, geni della pittura, del teatro, della musica devono ancora trovare la fama o devono ancora nascere. A Livorno c’è tanto di quel potenziale artistico che aspetta solo di poter esprimersi. E quando ci riesce, lascia un segno indelebile nella storia culturale italiana e internazionale.

5. I Livornesi.

Eh già… un motivo per cui amo Livorno sono proprio i suoi abitanti. Certo, abbiamo tanti difetti perché siamo criticoni, brontoloni, spesso poco inclini a seguire le regole (Il detto “se vuoi fa’ come ti pare vai a Livorno” non nasce proprio a caso, forse). E anche un bel po’ fannulloni! Tutti noi, quando si avvicina l’estate con le sue giornate di sole, sentiamo il bisogno di andarcene al mare, anche se cascasse il mondo e a volte anche a discapito del lavoro…

Sì, siamo tutto questo. Ma siamo anche altro. Sono sicura che pochissimi altri italiani hanno il nostro grande senso dell’umorismo, la nostra verve e la nostra simpatia. Pensateci un attimo… Noi livornesi sappiamo ridere su tutto e tutti, e soprattutto sappiamo ridere sui nostri difetti. Noi livornesi siamo spontanei. Ci piace ridere e far ridere. E ridere è la cosa più bella che un essere umano possa fare.

E voi perché amate Livorno?

Certo, ci sono sicuramente molti altri motivi per amare Livorno, ma questi cinque sono i motivi per cui chiamo Casa questa piccola grande città!

E voi perché amate Livorno? Quali sono i vostri motivi? Non fate i timidi e ditemelo nei commenti, sarò felice di leggerli! 🙂  

 

Comment

There is no comment on this post. Be the first one.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: